Author:

Celebrare la Domenica della Parola di Dio

Sussidi proposti dall'Ufficio Liturgico per la celebrazione della Domenica della Parola di Dio per le Diocesi di Teano-Calvi e Alife-Caiazzo

La Domenica della Parola di Dio, che sarà celebrata domenica 23 gennaio 2022, permette ancora una volta ai cristiani di accogliere l’invito di Gesù ad ascoltare e custodire la sua Parola per offrire al mondo una testimonianza di speranza che permetta di andare oltre le difficoltà del
momento presente. Non a caso il testo che Papa Francesco ha scelto per la Domenica della Parola di Dio è fortemente espressivo per la vita della comunità cristiana: “Beato chi ascolta la Parola di Dio!” (cfr. Lc 11, 28).
Nelle nostre Chiese di Alife-Caiazzo e Teano-Calvi questa ricorrenza è stata preceduta da una settimana di preparazione, in forma di “Peregrinatio Verbi”, che ha visto il nostro Vescovo esercitare il suo servizio di maestro e pastore del popolo di Dio a lui affidato, facendosi “pellegrino”
per annunciare, meditare e pregare la Parola, raggiungendo luoghi di profondo significato storico – ecclesiale – spirituale, nei quali nelle diverse epoche la Parola è stata annunciata, meditata, studiata e vissuta nell’oggi delle nostre Chiese.
Ogni realtà locale troverà le forme più adatte ed efficaci per vivere al meglio questa Domenica dedicata alla Parola, perché possa ritrovare la sua giusta collocazione al centro della comunità cristiana e nella vita di ogni credente suscitandone la fede, sostenendone la speranza e animandone la carità.

Clicca per scaricare i materiali:

 

 


Settimana della Parola di Dio. Dal 17 al 23 gennaio le meditazioni del Vescovo Mons. Giacomo Cirulli

In preparazione alla Domenica della Parola fissata da Papa Francesco per domenica 23 gennaio 2022, le Diocesi di Teano-Calvi e di Alife-Caiazzo, vivranno la Settimana della Parola con le meditazioni al Vangelo di Luca a cura del nostro Vescovo Mons. Giacomo Cirulli.
Ogni sera alle 20.30 il Vescovo commenterà alcuni passi, collegandosi in diretta facebook (sulle pagine delle due Diocesi) da alcuni luoghi-simbolo in cui la Parola di Dio è stata annunciata in passato; è “spezzata” per farsi pane per gli ultimi; è studiata e meditata quotidianamente.
L’accesso alle chiese individuate per la meditazione del Vescovo è previsto per i membri delle Comunità locali ed esclusivamente secondo i posti a sedere consentiti dalle disposizioni antiCovid19.

Il primo incontro, quello di lunedì sera, è nella Cattedrale di Alife; seguirà la meditazione nella Basilica di San Paride ad Fontem in Teano e il giorno seguente in Santa Maria di Cubulteria in Alvignano, entrambe di origine paleocristiana: luoghi che rimandano al cristianesimo delle origini nei nostri territori lì dove si sono consolidate le prime comunità di credenti e nei secoli successivi sono sorte significative esperienze di fede ma anche di devozione popolare, rimanendo ancora oggi spazi di importante riferimento storico e spirituale per le comunità locali. Giovedì 20 gennaio l’appuntamento del Vescovo è a Pignataro presso la Casa della Carità, recentemente inaugurata, lì dove la Parola di Dio è “spezzata” per gli ultimi, e diventa soccorso alle necessità del corpo e dell’anima, soprattutto per gli ultimi, i dimenticati, le persone sole in cerca di speranza e ascolto. Segue la meditazione dal Monastero di Ruviano, affidata al priore Padre Fabrizio Cristarella Orestano, biblista. In questo luogo, dove la Parola di Dio è preghiera, studio, approfondimento, divulgazione, formazione ma soprattutto condivisione sia tra i membri della Comunità sia tra coloro che qui si recano occasionalmente oppure stabilmente per i momenti formativi programmati. Sabato sera la meditazione è nella Concattedrale di Caiazzo; domenica, anticipando l’orario degli appuntamenti, il Vescovo presiederà la Santa Messa dalla Cattedrale di Teano alle 19.30.


Chiarimenti circa le disposizioni anticovid del Vescovo Cirulli

La nota pastorale pubblicata sabato in cui il Pastore di Teano-Calvi e Alife-Caiazzo fornisce indicazioni liturgico-pastorali ha suscitato interesse nell’opinione pubblica attraverso i social, la Tv e i giornali. I chiarimenti

Diocesi di Teano-Calvi e di Alife-Caiazzo
Uffici diocesani per le Comunicazioni Sociali

In merito alla pubblicazione delle Disposizioni pastorali (Prot. n.1/22) emanate da S. E. Mons. Giacomo Cirulli, Vescovo di Teano-Calvi e di Alife-Caiazzo, in data 8 gennaio 2022, che fornisce nuove indicazioni liturgico-pastorali a causa del grave peggioramento della situazione pandemica da Covid-19 e che ha suscitato interesse nell’opinione pubblica attraverso i social, la Tv e i giornali si chiarisce quanto segue.
La decisione del Vescovo così espressa: “Proibisco la distribuzione dell’Eucarestia da parte di Sacerdoti, Diaconi, religiosi e laici non vaccinati” conferma la linea del rispetto e tutela della vita che in questo momento storico chiama in causa le scelte di ogni singolo; essa si pone come ulteriore misura utile a contrastare il dilagare del virus tra la popolazione e a tutelare tra i più fragili anche coloro che potrebbero non godere dei vantaggi della copertura vaccinale e purtroppo – come testimoniano i casi crescenti negli ospedali di tutta Italia – subire il danno della malattia.
Mons. Cirulli, oltre ad aver deciso la sospensione delle attività pastorali in presenza, come sta avvenendo in più Diocesi e similmente in contesti laici per quel che attiene momenti di incontri e contatti sociali, si conferma nella linea della Chiesa Cattolica Italiana e di Papa Francesco a sostegno della campagna vaccinale; tema su cui questa mattina è nuovamente tornato il Pontefice nel saluto al Corpo Diplomatico accreditato presso la Santa Sede: “I vaccini non sono strumenti magici di guarigione, ma rappresentano certamente, in aggiunta alle cure che vanno sviluppate, la soluzione più ragionevole per la prevenzione della malattia”.

>> SCARICA IL PDF DEL COMUNICATO


Decreto del Vescovo S. E. Mons. Cirulli: Misure preventive per il contenimento del contagio nelle Chiese

Considerato l’andamento epidemiologico, con Decreto Prot. 1/22 del 08.01.2022, il Vescovo S. E. Mons. Giacomo Cirulli dispone quanto segue:

                                                                         

Ai Presbiteri, Diaconi, Religiosi/e Laici
delle Diocesi di Teano – Calvi e Alife – Caiazzo

 

Carissimi fratelli e sorelle,

la situazione pandemica Covid-19 è in costante e grave peggioramento.

Vi invito, pertanto, a rispettare e a far rispettare rigorosamente le norme di profilassi e igienizzazione per il contenimento della pandemia all’interno delle nostre Chiese e nei locali di pertinenza, secondo quanto previsto dal Protocollo d’Intesa tra il Governo Italiano e la CEI del 07/05/2020 per la ripresa delle celebrazioni col popolo e successive integrazioni.

In particolare, per quanto riguarda le Celebrazioni, vi chiedo di rispettare tassativamente il distanziamento e quindi il numero di accessi consentiti nell’aula liturgica.

Proibisco la distribuzione dell’Eucaristia da parte di Sacerdoti, Diaconi, religiosi e laici non vaccinati.

Ricordo che durante la Celebrazione le ostie sull’altare devono essere tenute rigorosamente coperte nei previsti vasi sacri.

Inoltre, dispongo la sospensione, a partire da domenica 9 gennaio, fino a nuova comunicazione di ogni attività pastorale, catechistica e formativa in presenza.

Mi permetto di richiamare, riguardo ai vaccini, quanto Papa Francesco ha detto: «Vaccinarsi, con vaccini autorizzati dalle autorità competenti, è un atto d’amore. E contribuire a far sì che la maggior parte della gente si vaccini è un atto d’amore. Amore per sé stessi, amore per familiari e amici, amore per tutti i popoli».

Vi invito alla preghiera continua affinché il Signore ci aiuti a vivere responsabilmente e coscienziosamente questo lungo periodo di prova.

A Lui affido la salute di tutti i nostri fratelli colpiti dal Covid-19.

Nel Suo Nome vi benedico tutti.

 

Teano, dal Palazzo Vescovile 08 gennaio 2022, Festa del Battesimo del Signore

 

                                                                                                                          Giacomo, Vescovo

Sospensione dei concerti e delle manifestazioni nelle chiese

Nota dell'Ufficio liturgico diocesano

In data odierna, l’Ufficio liturgico diocesano ha emanato una nota riguardante la sospensione dei concerti e di ogni altro tipo di manifestazione non liturgica nelle Chiese, dato l’intensificarsi dei contagi da Covid-19.

Di seguito il testo.

IV anniversario dell’ingresso in Diocesi del Vescovo, S.E. Mons. Giacomo Cirulli

La Diocesi di Teano-Calvi, riunita intorno all'altare, ringrazia il Signore per il ministero episcopale del Pastore, nel giorno in cui ricorre il IV Anniversario dall'ingresso in Diocesi

Nella serata del 27 Dicembre, a quattro anni di distanza dalla Celebrazione Eucaristica con la quale S.E. Mons. Giacomo Cirulli ha ufficialmente assunto la guida della Diocesi di Teano-Calvi, il Presbiterio e una rappresentanza dei laici della Diocesi si sono ritrovati nella Chiesa Cattedrale di Teano a ringraziare il Signore, nella celebrazione dell’Eucaristia presieduta dal Vescovo, per la vita e il ministero di S.E. Giacomo Cirulli, per grazia di Dio e della Sede Apostolica Vescovo di Teano-Calvi e di Alife-Caiazzo.

Un momento di gioia e di festa, sebbene in un tempo che si fa sempre più critico per l’impennata dei contagi da Covid-19 a Teano e nei comuni del territorio diocesano. Il Vescovo, spezzando la parola in mezzo al suo gregge, ha commentato il brano evangelico della liturgia della Festa di San Giovanni Apostolo ed Evangelista, delineando il percorso che lo stesso evangelista fa compiere all’ascoltatore attraverso le diverse sfumature semantiche delle voci verbali utilizzate per descrivere la dinamica del “vedere”. Un vero e proprio gradiente di profondità che emerge da testo: dal vedere statico al vedere riflessivo di chi interiorizza ciò che vede, per giungere, poi, al vedere con fede che diviene vedere ecclesiale di chi vive la propria fede non in modo solipsistico, ma comunitario. Un percorso che riguarda la vita di ogni credente e che il Vescovo Giacomo ha chiesto – soprattutto per quanto concerne la dimensione dell’ecclesialità – come dono per tutti, Sacerdoti e Laici. Riconoscersi Chiesa, chiamati a vedere insieme per credere insieme e testimoniare insieme l’amore e la salvezza che nasce dall’incontro con Gesù.

Al termine della Celebrazione, il Vicario generale, Mons. Vittorio Monaco, ha rivolto al Vescovo un indirizzo di saluto e di augurio per il ministero di guida che, per desiderio del Santo Padre, ha ancora da svolgere nelle diocesi di Teano-Calvi e Alife-Caiazzo.

Ne riportiamo il testo:

Saluto a Sua Eccellenza Mons Giacomo Cirulli
Vescovo di Teano-Calvi e Alife-Caiazzo

Qui maior est vestrum,
erit minister vester

Mt 23,11 

(Chi tra voi è più grande, sarà vostro servo)

Ecc.za Reverendissima,

nel 2017 l’allora Nunzio Apostolico per l’Italia Mons. Adriano Bernardini nel comunicarle la decisione del Santo Padre, Papa Francesco, di mandarla Vescovo della Diocesi di Teano-Calvi ha usato la categoria del viaggio”.

Papa Francesco – Le ha detto – vuole che Lei continui il viaggio adesso fino a Teano-Calvi. Con la metafora del viaggio spesso si indica la vita: un viaggio attraverso la strada che ci viene indicata da Dio; un viaggio tra gli uomini con gli uomini e per gli uomini per vivere la comunione realizzare la partecipazione e aprirsi alla missione.

Eccellenza, Lei ha intrapreso questo viaggio tra noi con noi e per noi il 27 dicembre 2017 e da quel giorno con la parola e con la vita ci ha invitato e aiutato a seguirla lungo il cammino di comunione partecipazione e missione che è oggi il cammino sinodale della Chiesa Universale, che a livello diocesano abbiamo solennemente e proficuamente iniziato insieme alla diocesi sorella di Alife-Caiazzo il 17 Ottobre scorso.

Eccellenza, durante questi quattro anni di cammino insieme, Lei ha interpretato con umiltà e tanto coraggio il Suo motto: “Superimpendar pro animabus vestris” mi consumerò, mi spenderò, annienterò per il bene delle vostre anime. Un cammino che è quello della Croce, unica nostra salvezza, quello dell’amore che si fa servizio. Lei Eccellenza, ha interpretato ed interpreta con cristiano coraggio e non senza sofferenza le parole del Santo Padre: “L’episcopato è il nome di un servizio non di un onore”. Perché queste mie parole non sembrino parole di circostanza, mi permetto di ricordare – anche se so che le non vorrebbe – come viaggio interiore i percorsi più significativi dell’esercizio dei tria munera: munus docendi, munus sanctificandi e il munus gubernandi (serizio nell’insegnare, santificare e governare in persona Christi.

Per quanto riguarda annuncio della Parola, in ogni occasione, sempre, dovunque; mi piace ricordare il documento pastorale Annunciare il Vangelo del 01 dicembre 2019, ricco di contenuto biblico-teologico e di zelo pastorale; la “Lectio biblica” nei Tempi forti dell’Avvento e della Quaresima; la Settimana biblica al Santuario del Lattani; la nascita e la promozione dell’Organo di informazione diocesano “La Buona Notizia”; la costituzione del gruppo “Laudato Si” e dell’Osservatorio per il creato.

Voglio, altresì, ricordare, come segno della missione caritativa che le sgorga dal cuore, l’apertura del Centro Speranza in tempo di Covid per il sostegno alimentare ed economico alle famiglie e alle piccole imprese del territorio, l’apertura delle case della Carità a Mignano Monte Lungo e a Pignataro Maggiore, il paterno ma deciso sollecito alle Unita Pastorali per la formazione di Centri della Carità parrocchiali e zonali.

Grazie, Eccellenza. Grazie- e qui cito me stesso – per essere sempre in prima linea, sempre pronto ad andare ad ascoltare e ad incoraggiare, a sollecitare, a confortare, a portare con la sua presenza e la sua parola il coraggio della Fede, la gioia della Speranza, la dolcezza della Carità, sempre pronto a donare a tutti il suo sorriso e la Sua affabilità, il Suo amore autentico di Padre e di Pastore.

Eccellenza, noi tutti Sacerdoti, Diaconi, Seminaristi, Religiosi e Religiose e popolo santo di Dio delle due Diocesi sorelle invochiamo sul Suo e nostro cammino pastorale la gioia del Natale, gioia di Dio, gioia interiore di luce e di pace.

Per Lei chiediamo al Bambino Gesù santità, salute e forza nelle prove e con cuore sincero Le diciamo: Auguri. Ad multos annos.

Teano 27.12 2021                                                                                                                                          don Vittorio


Questo è il nostro Natale: tutti attorno a questo bambino avvolto in fasce che giace in una mangiatoia

Il messaggio natalizio del vescovo Mons. Giacomo Cirulli

Dall’Episcopio di Teano il vescovo S. E. Mons. Giacomo Cirulli indirizza il suo messaggio natalizio alle Diocesi di Teano-Calvi e di Alife-Caiazzo: povertà e fraternità al centro della riflessione affidata ad un breve video in cui compaiono anche alcuni presepi allestiti nel palazzo vescovile in questo tempo di festa

“Si compirono per lei i giorni del parto. Diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo pose in una mangiatoia, perché per loro non c’era posto nell’alloggio”. (Lc 2,6-7).
Carissimi, questo è il segno di Natale; è il segno che nel racconto evangelico viene riportato tre volte nel capitolo due di Luca ed è il segno anche per noi.
Da questo bambino avvolto in fasce che giace in una mangiatoia dobbiamo imparare cos’è Natale, cosa significa per noi e quello che ci insegna per la vita…
Un bambino fragilissimo, in maniera poverissima, nato come tutti i bambini e i neonati di questa terra, lui è il Figlio di Dio. Lui è il Salvatore, come diranno gli angeli; lui è colui che libererà l’umanità dal peccato e dalla morte.
Questo è il nostro Natale: tutti attorno a questo bambino avvolto in fasce che giace in una mangiatoia.
Tutti figli dello stesso Padre, e tutti fratelli e sorelle in Gesù Cristo, il bambino avvolto in fasce che giace in una mangiatoia, il Crocifisso risorto che ha vinto la morte.
Siamo tutti fratelli e sorelle: questa è la verità della nostra vita; questo è quello che il nostro Dio vuole che viviamo su questa Terra.
E Natale sia proprio questo per noi: l’inizio, con l’aiuto dello Spirito Santo, di una vera fraternità fra tutti gli uomini, fra tutti i popoli.
Non perdiamo il segno nostro Natale; non facciamocelo rubare; trasmettiamolo ai nostri bambini, ai nostri giovani perché riflettano sulla grandezza e la bontà misericordiosa di Dio.
Buon Natale a tutti!
Scarica il testo

 

 


Mons. Giacomo Cirulli incontra Papa Francesco: ulteriore slancio al progetto che unisce le Diocesi di Teano-Calvi e Alife-Caiazzo

 

Un momento di confronto, di dialogo, di accoglienza reciproca: è stato questo l’incontro avvenuto ieri mattina (20 dicembre) tra S.E. Mons. Giacomo Cirulli, vescovo di Teano-Calvi e di Alife-Caiazzo e Papa Francesco nella Sala della Biblioteca Apostolica Vaticana, luogo in cui siamo abituati a vedere attraverso le foto ufficiali i momenti tra il Pontefice e i Capi di Stato, Cardinali, Vescovi, personalità del mondo laico ed ecclesiale.

Come accade in questi casi, l’incontro tra il Pontefice e un suo vescovo è propizio tempo di ascolto: delle Diocesi piccole o grandi d’Italia si racconta la vita scritta a più mani dal Pastore che la guida, dai sacerdoti suoi primi collaboratori; dal fermento che la vita religiosa dona alle Chiese locali con la preghiera e la presenza; dalla creatività di un laicato che ogni giorno sceglie con libertà e passione di testimoniare il vangelo. È un racconto di vita ecclesiale impregnato della dimensione sociale, culturale, storica dei luoghi, ecco perché la visita del nostro vescovo Giacomo al Papa è un po’ l’incontro di tutti con il vicario di Gesù Cristo; momenti come questi non sono mai l’incontro di due sole persone perché un Vescovo porta con sé l’intera famiglia che gli è affidata (la storia, le prospettive, le difficoltà) e per la quale gli è chiesto di donare tutto se stesso.

Da Parte di Papa Francesco parole di incoraggiamento e sostegno a Mons. Giacomo Cirulli nel proseguire e dare forma al progetto della Chiesa che prevede per le due Diocesi dell’alto casertano (e per altre in Italia) un comune cammino pastorale in vista di quell’unità che in un prossimo futuro farà di due millenarie esperienze una sola storia.
Prima dei saluti di congedo il Papa ha chiesto al Vescovo di portare la sua benedizione e gli auguri di buon Natale alle Diocesi a lui affidate, e chiesto come consuetudine, di pregare per la sua persona.

Come consuetudine Papa Francesco saluta gli accompagnatori dei suoi ospiti; ieri il giovane diacono don Pietro Robbio, segretario di Mons. Cirulli ha potuto fermarsi anch’egli qualche minuto con Francesco e scambiare con lui parole di stima e gratitudine: per questo nostro giovane ormai vicino al sacerdozio non è mancata una speciale benedizione.


Il ritiro spirituale del Clero con il Cardinale Angelo De Donatis, vicario del Papa per la città di Roma

Il Vicario del Papa per la Città di Roma questa mattina ha guidato la meditazione in occasione del consueto ritiro spirituale programmato dal Vescovo Mons. Cirulli

Momento di preghiera e riflessione per i sacerdoti, i religiosi e i diaconi delle Diocesi di Teano-Calvi e di Alife-Caiazzo, con il vescovo S.E. Mons. Giacomo Cirulli, in occasione del consueto ritiro spirituale presso la Chiesa dei Santi Cosma e Damiano a Vairano Scalo. Appuntamento che in questo tempo, ormai prossimo al Natale, si carica di maggiore attesa e raccoglimento intorno al Mistero di Dio che si è fatto uomo per gli uomini.
 
Dopo la preghiera dell’Ora Media e i saluti del Vescovo, la riflessione guidata da S. Eminenza il Card. Angelo De Donatis, Vicario di Sua Santità per la città di Roma che volentieri ha accettato l’invito di Mons. Cirulli ad essere presente.
 
Dal Libro dell’Esodo – ripercorrendo la storia della salvezza, dell’incontro eterno tra Dio e il suo popolo, il Cardinale ha scelto tre verbi e consegnati alla meditazione personale di ciascuno in questo tempo forte dell’anno liturgico: “saper riconoscere” i segni, la voce, la presenza; “interpretare” noi stessi e la realtà in cui siamo immersi che non è mera analisi statistica o soltanto sociologica della realtà, ma alla luce dei contenuti del percorso sinodale che la Chiesa sta vivendo, è “entrare nello sguardo con cui Dio guarda le cose”, cioè “discernere” secondo lo Spirito Santo, interrogare la Parola di Dio e in essa scorgere la strada. Il “saper riconoscere” che il Card. De Donatis ha appena “consegnato” ai nostri sacerdoti è un impegno riferito riferito al tempo presente, alla situazione in cui siamo immersi e coinvolti come Chiesa, alla realtà in cui siamo chiamati ad annunciare il Vangelo; è riconoscere se stessi nella realtà, nella vita che si abita (condizione necessaria anche perché il cammino sinodale sia autentico e vissuto con protagonismo). Il terzo verbo è “scegliere” secondo la volontà di Dio evitando il rischio di impadronirci della volontà di Dio mettendolo a margine del suo stesso progetto, considerandolo quasi un estraneo rispetto alla vita che lui ci ha donato. In questo cammino allora scegliere vuol significare purificare la nostra volontà per far sì che in noi sia lo Spirito ad operare le scelte…
 
Al termine di questa condivisione tra Sacra scrittura e vita, l’adorazione eucaristica.

Don Alfonso De Cristofaro è ritornato alla casa del Padre

Oggi si è prematuramente conclusa l’esistenza terrena di don Alfonso De Cristoforo, Presbitero del Clero della Diocesi di Teano-Calvi. Ne dà notizia il Vescovo, S.E. Mons. Giacomo Cirulli, unito ai familiari di don Alfonso, alla comunità parrocchiale di S. Maria a Silice in Riardo e al Presbiterio di Teano-Calvi.
Don Alfonso nasce a Capua (CE) il giorno 11/04/1980 ed è ordinato Presbitero il 28/02/2014 presso la Cattedrale di Teano. Ha ricoperto fino alla sua prematura scomparsa l’incarico di Economo Diocesano, di Segretario del Collegio dei Consultori e di Delegato diocesano della F.A.C.I. Dal 2016 ha svolto il suo ministero pastorale come Parroco presso la comunità ecclesiale di S. Maria a Silice in Riardo.
Affidiamo don Alfonso all’intercessione dei Santi Patroni Casto e Paride e alla materna cura della Madonna della Stella. Il Vescovo invita il clero e i fedeli a elevare al Signore preghiere in suffragio della sua anima